Home
  Le Cariche
  La Poesia
  Le Origini
  La Maldicenza
  Edizioni Precedenti
  Registrati
  Contatti

Le Confraternite

Festeggiano nei migliori ristoranti e trattorie dell'Aquila

Search    

La Maldicenza

DEFINIZIONE:
La maldicenza consiste in distorsione di fatti accaduti, fatti incompleti o false informazioni. Viene fatto con motivazioni sbagliate e porta l’ascoltare a fare conclusioni sbagliate e a rispondere con soluzioni “non scritturali”.
La maldicenza è così distruttiva che riesce a distruggere anche rapporti di amicizia forti e duraturi. “Il maldicente disunisce gli amici migliori”
Gli sbagli non dovrebbero essere mai coperti dal silenzio, ma bisogna trattarli scritturalmente, portandoli all’attenzione di coloro che sono responsabili. Questo processo necessario sarà danneggiato dalla contaminazione che deriva da una maldicenza.
Le maldicenze vengono trasmesse attraverso parole, espressioni della faccia, gesti e toni di voce. Possono essere sottili o evidenti, calme o nervose, dolci o amare.
Passare maldicenze ad altri è parte della nostra natura corrotta.

BISBIGLIATORE:
Uno che in segreto passa maldicenze ad altri

PETTEGOLO:
Uno che ingigantisce e rende sensazionali le voci che circolano e le informazioni a metà.

MALDICENTE:
Uno che cerca di distruggere la credibilità e la reputazione di altri attraverso fatti che non edificano, fatti distorti o sospetti maligni

INTRIGANTE:
Uno che scava nei fatti negativi degli altri e si adopera a diffonderli attraverso pettegolezzi, maldicenze o bisbigli.

COME IDENTIFICARE UNA MALDICENZA
Cinque domande da porsi:

1. “Qual’è il motivo per cui me lo dici ?”
Allargare il cerchio della maldicenza “aggiunge” al problema.

2. “Dove hai ricevuto l’informazione ?”
Il rifiuto di rivelare la sorgente d’informazione è un segnale sicuro di maldicenza.

3. “Sei andato da quelli direttamente coinvolti ?”
La spiritualità non si misura da quanto abilmente riusciamo a esporre i mali degli altri, ma quanto effettivamente riusciamo a rialzare un peccatore.

4. “Hai controllato personalmente i fatti ?”
Anche i “fatti” diventano distorti quando non sono bilanciati con altri fatti, o quando sono esposti con motivi negativi.

5. “Posso riferire il tuo nome, quando controllo di persona ?”
Quelli che passano maldicenze spesso si lamentano di essere malintesi. Questo avviene perché le loro parole sono mischiate con impressioni personali che le tingono.